Hotel
Soledi Puglia

Via Alessandriello, 36

Santeramo in Colle, 70029, Bari, Italia

0803022977 - 0803037147

hotelsoledipuglia@gmail.com

info e prenotazioni

hotelsoledipuglia@gmail.com

MENU
SEGUICI

ALBEROBELLO

ALBEROBELLO

Il paesaggio da fiaba con gli alberi nodosi, i sassi ricoperti di muschio e i trulli fanno parte dell’incantevole Valle d’Itria dove sorge Alberobello, uno dei 51 siti italiani inseriti dall’Unesco nella World Hernitage List. I trulli sono delle costruzioni in pietra con tetti conici e affondano le loro radici in epoca preistorica, tuttavia i più antichi risalgono al XIV secolo. Gli edifici ancora oggi sono abitati e presentano una struttura alquanto singolare: sono di forma circolare costruiti sulla base della roccia naturale con muratura in calce.

Uno splendente capolavoro dell’architettonica i trulli, i quali delineano perfettamente lo scenario naturalistico che sembra ricreare un atmosfera da sogno unica nel suo genere. Per visitare i trulli bisogna imbattersi sul rione Monti che ne ospita oltre 1030 tra cui i cosiddetti “Siamesi” con caratteristiche diverse rispetto agli altri: doppia facciata, privi di finestre, focolare basso e doppio pinacolo; continuando il cammino ci si ritrova nei vicoli stretti e lunghi del rione Aia Piccola, il quale conta oltre 400 trulli distribuiti su otto vie, alcuni dei quali ospitano negozietti e botteghe di artigiani. Irresistibile l’originalità e il fascino del settecentesco Trullo Sovrano, l’unico ad essere stato costruito su due piani che oggi ospita il Museo Cittadino. 

Analizzando le strutture del territorio è impossibile non accorgersi della Chiesa di Sant’Antonio situata sull’appendice estrema del rione Monte e dove è possibile trovare un affresco di Adolfo Rollo, artista rinomato. Nel 1797, i trulli cambiano scenario e viene costruita la prima casa con calce e struttura a trullo denominata la “casa d’amore”, oggi ufficio turistico. Lo spirito della tradizione nel seicento accompagna fortemente quello della devozione per i Santi Cosma e Damiano Medici, nell’unica chiesa tra i boschi a loro dedicata, la quale presenta un magnifico reliquario e il famoso quadro della “Madonna di Loreto”.

Uno dei più importanti musei è il Museo del Territorio situato sulla “Murgia dei trulli e delle grotte” più antiche. Nel rione dell’Aia si scorge il Museo dell’Artigianato, alloggiato in un trullo del 1520.

Tuttavia la descrizione del paesaggio ha una forte valenza per l’ambientazione storica, e per le emozioni che di volta in volta il gusto della tradizione culinaria tende ad esaltare. Alberobello è considerata la patria dell’olio extravergine d’oliva, infatti non molto tempo fa è nato un museo dedicato a questo prodotto.

Un paese ricco di emozioni imperdibili, come il Presepe Vivente che si svolge in occasione del Natale; la Settimana Santa in Puglia è inserita nel percorso cittadino “la Passione Vivente”; a luglio invece, prende il via la suggestiva rievocazione storica della liberazione del paese dal dominio feudale; ad agosto vi è il Festival Folkloristico e la Mostra dell’Artigianato Turistico; indescrivibile è la bellissima festa patronale dedicata ai SS. Medici, il 25 e il 28 settembre, con bande, bancarelle, luminarie, spettacoli di fuochi d’artificio, rievocazioni storiche e tanto altro.

Luoghi naturali, sacri e spazi interni sono la cornice ideale per chi decide di fare una vacanza all’insegna del relax e della tradizione.